Neve: scuole chiuse in anticipo nelle valli, 300 mezzi pronti ad entrare in azione

Il Trentino si prepara al fenomeno di 48 ore previsto tra venerdì 1 e domenica 3 febbraio

Controllo dotazione invernale sulle strade

Scuole chiuse in anticipo in alcune valli trentine e 300 mezzi sgombraneve pronti ad entrare in azione per le 48 ore di neve e pioggia previste in Trentino tra venerdì 1 e domenica 3 febbraio. 

Neve: ecco la situazione sulle strade

Venerdì 1 in Alta Val di Non, Val di Fassa e Val di Sole le scuole concluderanno l’attività al termine della mattinata, per permettere ai servizi di trasporto pubblico di operare in sicurezza raggiungendo tutte le zone di rientro a casa degli alunni.

Come si legge nell'avviso diramato dalla Protezione (che potete leggere integralmente qui) la fase più intensa è prevista tra il pomeriggio di venerdì 1 e la mattinata di sabato 2 febbraio, quando la neve scenderà anche a bassa quota, Trento compresa.

Sulle strade della Provincia sono stati allertati i presidi per la neve e sono pronti i circa 300 mezzi, tra pubblici e privati, che lavorano per la Provincia per la gestione delle strade statali e provinciali. A questi mezzi si aggiungono quelli dei comuni. Si raccomanda comunque di viaggiare con prudenza e muniti dell’attrezzatura invernale.

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • Orso M49 catturato e fuggito, Fugatti: "Questo dimostra quanto sia pericoloso"

Torna su
TrentoToday è in caricamento