Detomas alle minoranze: "I nostri diritti acquisiti non vanno dati per scontati"

Visita dell'assessore regionale a Luserna e Palù del Fersina per presentare gli interventi della regione in favore delle minoranze linguistiche. Proprio sul versante della lingua si apre una strada interessante: i Cimbri introdurranno dei neologismi

“Negli ultimi 25 anni si sono fatti molti passi in avanti nel riconoscimento dei diritti delle minoranze ma non dobbiamo pensare che i diritti acquisti in tema di salvaguardia lo siano per sempre". L'assessore regionale alle minoranze Giuseppe Detomas  mette in guardia le minoranze: i diritti acquisiti vanno difesi. Con queste parole si è rivolto ieri alla comunità mochena dell'Istituto Culturale di Palù del Fersina: "non dobbiamo dare atto ad equivoci che possano far pensare che vi sia nei nostri riguardi una qualche forma di privilegio, ma dare testimonianza tutti i giorni di errese utili per la comunità di maggioranza".

Sempre in tema di minoranze una novità potrebbe arrivare sul versante linguistico dalla recente nomina, presso l'Istituto Culturale Cimbro di Luserna, di una commissione che avrà il compito di ammodernare la lingua cimbra inserendo dei neologismi, a partire dal linguaggio amministrativo. 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Alzheimer, nasce la Carta dei Diritti per chi si prende cura di un familiare

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Schianto contro un camion sul rettilineo: muore motociclista

Torna su
TrentoToday è in caricamento