Carabinieri: un targa in ricordo del brigadiere Monaco, ucciso dai nazisti

Nato in provincia di Rieti, si trovava a comandare la stazione di Resia all'indomani dell'8 settembre. Ricordato Ottavio Monaco a Molveno

Morì nel compimento del dovere, a qualche ora di distanza dall'armistizio dell'8 settembre, proclamato dal mareschiallo Badoglio. Ieri nella stazione dei Carabinieri di Molvenoil generale Massimo Mennitti, comandante della Legione Carabinieri del Trentino Alto Adige ha scoperto una targa che ricorda il sacrificio del brigadiere Ottavio Monaco, ucciso il 9 settembre 1943 dai nazisti al passo Resia. 

Nato il 14 dicembre 1912 a Cantalice in provincia di Rieti Monaco conseguì il diploma per diventare maestro, ma all'insegnamento preferì la carriera militare. Si arruola nell'Arma non ancora ventenne ed in seguito viene trasferito a Bolzano come vice brigadiere. Sposa Amedea Meneghini, di Molveno, ed insieme si stabiliscono a Resia, dove Monaco assume il ruolo di comandante di stazione, caserma che difenderà fino alla morte, avvenuta per mano nazista, all'indomani dell'armistizio.Il suo corpo non fu mai trovato. Presente alla cerimonia di ierila figlia di Ottavio Monaco e Amedea Meneghini, Maria Luisa Monaco, nata a Resia, che alla morte del padre aveva solamente due anni. E' stata omaggiata del tricolore dal generale Mennitti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento