Vigilia di Natale: gli studenti dell'Istituto Alberghiero cucinano per le persone sole

Una cena ormai tradizionale all'Istituto Alberghiero di Levico che per il terzo anno torna ad aprire le porte ai bisognosi

Per il terzo anno consecutivo, la sera della Vigilia di Natale, gli studenti dell'Istituto di Formazione Professionale Alberghiero di Levico Terme, apriranno le porte della loro scuola a persone che stanno attraversando un periodo difficile della loro vita, e che passerebbero la Vigilia di Natale da sole, provenienti dalle reti sociali di Fondazione Comunità Solidale e Caritas.

Cinquantaquattro studenti, insieme ad alcuni docenti, si occuperanno della preparazione delle pietanze, dell'allestimento della sala, della preparazione della mise en plas, degli addobbi, della confezione dei regali, della musica,dell'accoglienza e dell'intrattenimento. Quest'iniziativa è diventata un appuntamento importante per molti studenti, una sorta di "tradizione" all'interno della scuola, un momento che li vede attivamente coinvolti nell'aiuto verso il prossimo, verso quei frammenti di umanità più fragile e sola. I ragazzi lavorano non solo la sera della Vigilia, ma anche i giorni precedenti donando, nel vero senso della parola, il proprio tempo e il proprio lavoro per questa iniziativa. Gli studenti infatti non otterranno nessuna forma di ricompensa, ma solo crediti formativi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In una società dove troppo spesso domina la mentalità del do ut des, dove si tende a chiudersi, a costruire muri, queste ragazze e questi ragazzi ci dimostrano invece quanto sia bello ed emozionante dare senza chiedere nulla in cambio, aiutare chi è più debole e in difficoltà, aprirsi all'altro, accogliere l'altro. Quest' occasione è anche però un momento diverso di vivere la scuola, il condividere infatti una serata così importante: una serata che tradizionalmente mette al primo posto gli affetti più cari, fa della scuola una vera e propria famiglia" si legge nella nota  della Provincia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento