Musica troppo alta, i vicini chiamano i carabinieri: in casa ha un etto di hashish

I militari, alleertati dai vicini, hanno subito sentito uno strano odore: il 39enne trentino è stato arrestato per spaccio

Tradito dalla musica troppo alta: un 39enne trentino è stato arrestato dai carabinieri, chiamati dai vicini. Le lamentele dell vicinato erano causate dal volume dello stereo, ma i militari, entrando nella casa hanno scoperto ben altro. 

A destare qualche sospetto è  stato l'odore, inconfondibile, di cannabis. L'inquilino ha mostrato segni di nervosismo e quindi i carabinieri sono passati alla perquisizione: rapidamente hanno trovato ben 120 grammi di hashish. A mettere ulteriormente nei guai il 39enne sono stati i soldi in contanti, rinvenuti in alcuni cassetti, insieme a materiale per confezionare la sostanza "al dettaglio".

E' stato arresttato e portato in caserma in attesa di giudizio. L'accusa è di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

  • Lupi sulla Marzola, i forestali confermano

Torna su
TrentoToday è in caricamento