Multe ai clienti delle prostitute: 85enne 'salvo', ha detto di voler condividere della frutta

Dopo l’introduzione della norma che sanziona i clienti delle prostitute sono diversi i casi di persone sanzionate. I clienti colti 'in flagranza' dalla polizia locale a contrattare o ad appartarsi con prostitute possono incorrere in una sanzione da 89 a 534 euro

Dopo l’introduzione della norma che sanziona i clienti delle prostitute, votata dal consiglio comunale di Trento che si è ispirato alle normative introdotte in altre città tra cui Pavia, Treviso, Verona e Rimini, sono diversi i casi di persone sanzionate. I clienti colti 'in flagranza' dalla polizia locale a contrattare o ad appartarsi con prostitute possono incorrere in una sanzione da 89 a 534 euro. È stata inoltre prevista la modifica del regolamento di polizia urbana introducendo il divieto, in tutto il territorio comunale, di contattare "soggetti che esercitano attività di meretricio su strada".

Sabato 28 aprile, in via Brennero, gli agenti della polizia municipale hanno fermato numerosi automobilisti mentre contrattavano prestazioni sessuali con le prostitute. Un uomo di 30 anni, trentino, è apparso preoccupato di doverlo raccontare al padre, mentre ad un 60enne altoatesino la trasferta a Trento è costata più cara del previsto. Niente multa, invece, per uno scaltro 85enne, fermato in via Solteri, che si è giustificato dicendo che era sceso dall’auto per dividere un frutto con le prostitute. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento