menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con il kitesurf passano il confine sul Lago di Garda: multati

Il confine tra Trentino e Lombardia passa anche sulle acque del Garda: multa da 5.600 euro ad un gruppo di kitesurfers bresciani

Hanno sconfinato nelle acque trentine del Lago di Garda, e perciò sono stati sanzionati per violazione delle norme anti-coronavirus, che vietano gli spostamenti tra regioni. Inoltre stavano praticando kitesurf fuori dagli orari previsti dalla normativa provinciale. Il conto, per il gruppo di 9 sportivi lombardi, è salato: 5.670 euro in totale.

Il gruppo si trovava al confine tra la provincia di Brescia e quella di Trento. Sette di loro si trovavano a bordo di tavole da kitesurf e due su una barca. Ad intercettarli sono stati gli agenti della Squadra Nautica del Commissariato di Riva del Garda, intervenuti all'altezza della Casa della Trota, che segna il confine tra le due province.

La normativa trentina in materia è molto rigida: nello specifico, per l'area in cui si trovava il gruppo, la pratica del kitesurf è permessa, da marzo ad ottobre, dall'alba fino alle 10.30 e dalle 16.30 fino al tramonto. Peccato che i kiters si trovassero in acque trentine alle 15.30, quindi fuori dall'orario vietato.

Oltre a questo il gruppo ha violato le ben note norme sull'emergenza coronavirus, che prevedono ancora il blocco dei confini regionali. Le forze dell'ordine vigilano sul confine tra Trentino e Lombardia (dove non meno di due giorni fa sono stati fermati dei motociclisti lombardi che tentavano di entrare in Trentino) in questo caso anche nelle acque del lago.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento