rotate-mobile
Cronaca San Giuseppe / Piazza Vittoria

Verduraio scrive "fagiolini siciliani" anzichè "italiani": multa da 770 euro

Multato perchè troppo preciso nell'indicazione geografica. La motivazione dell'Agenzia ministeriale è surreale: "Qualcuno potrebbe non sapere dov'è la Sicilia"

Ci si lamenta spesso di non conoscere la provenienza della merce sugli scaffali dei supermercati o nelle bancarelle al mercato, ma la troppa precisione nell'indicazione geografica di provenienza di una partita di fagiolini è costata caro ad un verduraio di piazza Vittoria, a Trento, tartassato dall'Agecontrol (l'agenzia del Ministero delle Politiche Agricole) per aver scritto sul cartello "fagiolini siciliani" anzichè, semplicemente, "italiani". Risultato: una multa da 770.

La notizia, che ha del surreale, è stata diffusa dal quotidiano Trentino, rimbalzando presto su vari siti stampa, tra cui anche Today, la nostra testata nazionale. La motivazione della multa è ancora più surreale: l'indicazione è fuorviante poichè, sostiene l'Agecontrol, qualcuno potrebbe non sapere dove si trova la Sicilia. Sconsolato Gianni Endrizzi, il titolare della bancarella: "Non ho tentato di truffare nessuno - spiega, comprensibilmente arrabbiato - non c'è nessuna intenzione di dichiarare una cosa non vera, anzi. Faccio questo lavoro da 24 anni, la gente mi conosce, ci vorrebbe solo un po' di buon senso".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verduraio scrive "fagiolini siciliani" anzichè "italiani": multa da 770 euro

TrentoToday è in caricamento