Trasforma la G della targa in una C, motociclista denunciato

E' stato fermato ieri, giorno di Pasquetta e del suo compleanno, in Vallarsa: denunciato 50enne vicentino

Sequestro della moto e denuncia: qusto il "regalo di compleanno" per un cinquantenne vicentino fermato ieri, lunedì di Pasquetta 2 aprile, sulle strade della Vallarsa. 

I carabinieri lo hanno intercettato ad un posto di blocco nella frazione di Anghebeni dopo essere stati allertati dal sistema di videocamere che ha rilevato la tarda della due ruote, risultata priva di assicurazione. 

Il centauro viaggiava con altri tre motociclisti in direzione Vicenza, all'alt dei militari si è fermato ed ha anche ostentato una certa sicurezza esibendo l'assicurazione regolare. 

I carabinieri hanno però subito scoperto il trucco: ad essere iregolare non era l'assicurazione, ma la targa. Una "G" era stata trasformata in "C", molto probabilmente per eludere gli autovelox. 

Il cinquantenne è stato denunciato ai sensi dell'articolo 100 comma 14 del Codice della Strada: alterazione della targa. Non è finita qui: i carabinieri dovranno verificare se il proprietario di una moto con la stessa targa, con la vera "C", abbia ricevuto sanzioni attribuibili al centauro fermato ieri. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

immagine1-12

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento