Cronaca

Centro islamico a Gardolo: il Consiglio di Stato blocca il Tar

La comunità musulmana trentina potrà utilizzare la sede di via Soprasasso

Gardolo avrà il suo centro islamico: il Consiglio di Stato ha infatti sospeso la sentenza del Tar che a giugno del 2011 aveva dato ragione a cinque residenti, giudicando la struttura troppo grande e quindi non compatibile con una zona residenziale. A giugno, quando arrivò la sentenza del Tar, il centro culturale islamico era pronto e pronto ad aprire. 

La comunità islamica guidata dall'imam Aboulkheir Breigheche aveva presentato ricorso contro il provvediemnto del Tribunale amministrativo e il 4 novembre la quarta sezione del Consiglio di Stato ha depositato l'ordinanza con cui accoglie la domanda di sospensiva e quindi congela la sentenza del Tar, consentendo ai membri della comunità islamica di utilizzare gli spazi. di via Soprasasso a Gardolo. Fino al 14 febbraio 2012, quando è stata fissata la data per l'udienza di merito in cui la questione verrà affrontata in via definitiva.
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro islamico a Gardolo: il Consiglio di Stato blocca il Tar

TrentoToday è in caricamento