Ritrovato senza vita nel torrente

A lanciare l'allarme i familiari del 46enne, che non avevano sue notizie da 24 ore. Ieri sera la tragica conclusione delle ricerche

Ritrovato senza vita nel greto del torrente Mandola. Stefano Alfarè, 46 anni, di Calceranica, era stato visto l'ultima volta la sera di giovedì 5 gennaio. Il giorno seguente i  familiari, non avendo più sue notizie, hanno dato l'allarme. Vigili del Fuoco e carabinieri si sono messi sulle sue tracce. Una tragedia sulla quale permangono molte domande: il suo corpo è stato trovato presso il torrente che scorre vicino al centro abitato. La causa del decesso potrebbe essere un malore oppure una caduta accidentale, seguita da un periodo prolungato di esposizione a temperature molto basse. Nessun segno di violenza o di colluttazione, si esclude totalmente il coinvolgimento di un'altra persona. Un dramma che ha scosso la piccola comunità di Calceranica, che ora si stringe attorno alla madre ed ai due fratelli di Stefano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento