Morì dopo un malore in fabbrica, Marangoni rinviata a giudizio

A due anni di distanza dalla disgrazia il Tribunale ha deciso il rinvio a giudizio per omocidio colposo, l'ipotesi è che ad uccidere l'operaio sia stato il calore eccessivo nel luogo di lavoro

Rinvio a giudizio per gli imputati del caso Marangoni. L'accusa è di omicidio colposo per la morte di Carmine Minichino, l'operaio colto da un malore in fabbrica il 22 luglio ddel 2015 e deceduto in ospedale. Oltre ai titolari dell'azienda sono imputati nel processo anche il responsabile della sicurezza ed un medico del lavoro. L'ipotesi è che ad uccidere Minichino sia stato il caldo all'interno del luogo di lavoro, che d'estate può raggiungere temperature elevate. Il sindacato Cobas si è costituito parte civile nel processo. L'azienda ha offerto un risarcimento alla famiglia di 150.000 euro. La prossima udienza è fissata per il 23 gennaio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento