menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scivola sulla neve in Lagorai, muore all'arrivo dei soccorritori

L'uomo, uscito in solitaria, è scivolato in un dirupo: ha chiamato il 112 ma le ferite riportate sono state purtroppo fatali

Non c’è stato nulla da fare per l’escursionista veronese uscito da solo per un’escursione a piedi verso il Lago Lagorai e precipitato in un dirupo. L'uomo, classe 1955, aveva chiamato il 112, dopo essere scivolato per circa trenta metri in un dirupo in una zona dove è ancora presente la neve. La chiamata d'emergenza è pertita verso le 14.30 di giovedì 23 maggio. Immediatamente si è messa in moto la macchina dei soccorsi, ma l’operazione si è rivelata particolarmente complicata per la difficoltà riscontrata nel localizzare il punto dove si trovava l’uomo, a causa delle scarse informazioni a disposizione e per la mancanza di copertura telefonica.

Un primo sorvolo di ricognizione in elicottero, spiega una nota del Soccorso Alpino, ha dato esito negativo. Nel frattempo a terra si sono messe sulle sue tracce squadre di ricerca formate da Vigili del Fuoco, Polizia e unità cinofile della Scuola Provinciale Cani da Ricerca. Grazie alle informazioni reperite dai famigliari è stato possibile restringere la ricerca alla zona del Lago Lagorai, dove, all’imbocco di Val Lagorai, è stata trovata l'auto parcheggiata. L’elicottero della Guardia di Finanza ha trasportato in quota una squadra di soccorritori e di finanzieri sul posto. La squadra, formata da 8 persone, ha individuato le tracce della scivolata sulla neve in un punto a valle del Lago Lagorai a circa 1700 metri di quota. 

I soccorritori si sono calati con le corde fino a trovare l’uomo trenta metri più sotto ancora in vita. Erano, circa, le 19. "Le ferite riportate dall’uomo - si spiega nella nota - sono però risultate, purtroppo, fatali nonostante il tempestivo intervento dell’elicottero che ha verricellato sul posto il Tecnico di Elisoccorso e l’equipe medica". Nulla da fare per l'uomo, spirato sotto gli occhi dei soccorritori dopo una ricerca durata più di quattro ore. Dopo il nullaosta dei Carabinieri, la salma è stata elitrasportata alla camera mortuaria dell’ospedale di Cavalese. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento