Addio al fotografo Dino Panato, occhio e memoria di Trento

Fotografo sportivo, fotogiornalista, ma soprattutto spirito libero del giornalismo trentino

Dino Panato all'opera

Se ne è andato improvvisamente Dino Panato, 68 anni, uno dei più conosciuti fotografi di Trento. Con la sua agenzia, L'Immagine in via Veneto, è stato punto di riferimento per almeno due generazioni di fotografi, oltre ad essere diventato negli anni uno dei  protagonisti del fotogiornalismo trentino. 

Addio Dino, folla alla chiesa del Sacro Cuore

Non risparmiava battute sagaci a nessuno, ma la sua simpatia era proverbiale. Come fotografo sportivo aveva portato il suo obiettivo sui campi più prestigiosi del calcio nazionale ed internazionale, oltre alle piste di atletica ed alle piscine delle Olimpiadi di Atlanta e di Sydney.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Trento il suo occhio andava oltre la  foto, penetrando vizi e virtù della società trentina. Custode di memorie pubbliche e private, in anni recenti era solito pubblicare ricordi pescati dal suo archivio fotografico sui social network. Nessuna nostalgia, solo il potere della fotografia di fissare i momenti per sempre, ma  solo sulla carta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento