Padova, precipita con il parapendio e si schianta al suolo: morto 29enne trentino

A perdere la vita è stato Damljan Batovac, nato in Serbia e residente a Predaia, Val di Non

Parapendio divelto

Tragedia nel Padovano, dove un 29enne trentino ha perso la vita in un incidente con il parapendio a motore. Dopo un'improvvisa virata il mezzo ha perso quota e ha iniziato a precipitare, per poi schiantarsi al suolo. Muore Damljan Batovac, un 29enne originario della Serbia e residente da diversi anni a Taio, Predaia, dove lavorava come cuoco.

L'incidente poco dopo il decollo

Il mezzo - un ultraleggero paramotore monoposto - ha iniziato la sua inesorabile caduta quando si trovava a circa 30 metri di altezza, poco dopo il decollo. L'incidente è avvenuto nel campo di volo 'Pegolina' di Villa Estense. Vano l'intervento dei soccorritori accorsi sul luogo del violento impatto: il giovane ha riportato ferite troppo gravi al volto, al torace e agli arti, morendo sul posto.

Il velivolo e gli altri materiali utilizzati dalla vittima - tra cui casco, ala di supporto, cellulare e radio trasmittente - sono stati sequestrati. Sul posto per effettuare rilievi i carabinieri. Ancora da accertare le cause dell'improvvisa perdita di quota.

La salma del ragazzo invece stata trasportata presso l'ospedale Schiavonia di Monselice. Damljan, che lavorava come pizzaiolo in un locale della Val di Non, aveva una forte passione per il volo a vela, campo nel quale aveva già maturato una certa esperienza. Prima del tragico incidente il giovane si era cimentato per tutto il pomeriggio in voli insieme ad alcuni amici. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Volotea: due nuove destinazioni dall'Aeroporto Catullo

  • Torna l'obbligo di pneumatici invernali

  • Cosa fare nel weekend: tutti gli eventi

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

  • Infortunio sul lavoro a Grigno, precipita per cinque metri e si schianta al suolo: grave

  • Scende con l'auto dal Castello di Arco e si schianta: grave una donna di 48 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento