menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolgono il "falso" zafferano per il risotto: coniugi morti intossicati

Tornati dalla vacanza a Folgaria hanno cucinato un risotto con i fiori raccolti. Un errore fatale per una coppia di coniugi veneti: lui è morto il 1° settembre, lei nei giorni scorsi, quando i medici avevano già scoperto la tragica verità

Hanno raccolto fiori di colchio durante una vacanza sull'altopiano di Folgaria e pensando si trattasse della specie che produce  lo zafferano li hanno usati per cucinare un risotto. Un errore fatale per due coniugi veneziani: Giuseppe Agodi, 71 anni, è morto il 1° settembre, la moglie, Lorenza Frigatti, 69enne, è stata colta da un malore pochi giorni dopo ed è spirata ieri in ospedale.

Quanndo la donna è arrivata all'ospedale di Piove di Sacco i medici hanno diagnosticato un avvvelenamento da colchina, sostanza contenuta nel fiore che sboccia in questo periodo sulle Alpi, ed hanno richiesto alla  Procura di Padova la possibilità di eseguire un'autopsia sul corpo del marito, per il quale era stato ipotizzato un infarto.

La terribile scoperta non ha potuto, purtroppo, salvare la vita alla donna, morta ieri. Il Colchium è una pianta dell'ordine delle Liliales, come il Crocus, il fiore dal cui polline si ricava lo zaffferano. Le famiglie però sono diverse, entrambi sono diffusi sull'arco alpino e fioriscono nello stesso periodo e nello stesso ambiente, le differenze sono davvero minime.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento