Il monossido di carbonio uccide due giovani fidanzati in val di Non

I due, lui ventenne lei diciottenne, condividevano un appartamento in un'abitazione a Castelfond: i corpi ormai senza vita sono stati trovati dalla madre del ragazzo circa dodici ore dopo la morte, avvenuta all'alba

Tragedia in val di Non, a Castelfondo. Trovati morti in casa due giovanissimi findanzati, probabilmente a causa di un'intossicazione da monossido di carbonio.

I due giovani, lui ventenne lei diciottenne, entrambi di origini rumene, condividevano un appartamento in un'abitazione di via Dante. I corpi ormai senza vita dei due fidanzati sono stati trovati dalla madre del ragazzo, che intorno alle 17 di oggi era entrata in casa per far visita al figlio e alla compagna.
 
Secondo i primi accertamenti pare che la morte risalga a 12 ore prima del ritrovamento, quindi attorno all'alba, e che sia dovuta - come detto - ad intossicazione da monossido di carbonio, forse causata dalla stufa o dal sistema di riscaldamento.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

Torna su
TrentoToday è in caricamento