Il monossido di carbonio uccide due giovani fidanzati in val di Non

I due, lui ventenne lei diciottenne, condividevano un appartamento in un'abitazione a Castelfond: i corpi ormai senza vita sono stati trovati dalla madre del ragazzo circa dodici ore dopo la morte, avvenuta all'alba

Tragedia in val di Non, a Castelfondo. Trovati morti in casa due giovanissimi findanzati, probabilmente a causa di un'intossicazione da monossido di carbonio.

I due giovani, lui ventenne lei diciottenne, entrambi di origini rumene, condividevano un appartamento in un'abitazione di via Dante. I corpi ormai senza vita dei due fidanzati sono stati trovati dalla madre del ragazzo, che intorno alle 17 di oggi era entrata in casa per far visita al figlio e alla compagna.
 
Secondo i primi accertamenti pare che la morte risalga a 12 ore prima del ritrovamento, quindi attorno all'alba, e che sia dovuta - come detto - ad intossicazione da monossido di carbonio, forse causata dalla stufa o dal sistema di riscaldamento.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Dramma in montagna: ricercatore dell'Università di Trento cade in un crepaccio

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Cade con la carrozzina nel torrente e muore

  • Cade nel fiume: ripescato vivo un chilometro e mezzo a valle, è grave

Torna su
TrentoToday è in caricamento