rotate-mobile
Cronaca piazza dante

Daniza è morta, "adesso comincia una guerra"

Il segretario del Partito Animalista Europeo Enrico Rizzi accusa la Provincia: "nessuno di noi ha mai creduto alla barzelletta della cattura. Non torneremo a Trento, avremmo dovuto batterci con più forza per evitare l'uccisione dell'orsa"

"Siamo indignati per la morte di Daniza che riteniamo una vera e propria esecuzione". Il segretario del Partito Animalista Europeo Enrico Rizzi accusa la Provincia: "Già dalle prime dichiarazioni di Piazza Dante l'intento era chiaro, Daniza era un'orsa problematica. Nessuno di noi ha mai creduto alla barzelletta della cattura. Samo inoltre convinti che l'animale sia stato ucciso da qualche giorno. Ieri verso le 13 la Digos di Trento ci han contattato per sapere se eravamo intenzionati ad organizzare un nuovo presidio nel capoluogo o a Pinzolo".
Rizzi esprime infine un grande rammarico per non aver saputo coinvolgere la popolazione. "Serviva un'azione più forte avremmo dovuto batterci di più per evitare l'uccisione dell'orsa". La LAC intanto chiede le dimissione dell'assessore all'agricoltura e caccia Michele Dallapiccola.
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Daniza è morta, "adesso comincia una guerra"

TrentoToday è in caricamento