rotate-mobile
Animali selvatici

MJ5: la Lav manda una diffida legale alla Provincia

L’obiettivo è impedire a tutti i costi l’uccisione dell’orso: “Non è pericoloso, non può essere abbattuto”

Nuovo capitolo nella vicenda MJ5: la Lav, infatti, ha recapitato una diffida legale nei confronti della Provincia di Trento per impedire l’uccisione dell’orso. Il punto su cui preme l’ente è che nel corso dei suoi 18 anni di vita, MJ5 non ha mai avuto interazioni con gli esseri umani, salvo quella del 5 marzo scorso in Val di Sole; ciò confermerebbe la non pericolosità del plantigrado.

“Stando al Piano interregionale per la conservazione dell’orso bruno nelle Alpi centro – orientali, per 'orso pericoloso' si intende un individuo con ripetuti comportamenti potenzialmente pericolosi, che vi sia traccia registrata degli stessi come prova, che vi sia un contesto specifico, che ci sia un’evoluzione di simili comportamenti, oltre all’efficacia nell’applicazione di eventuali misure di dissuasione. Tutto questo non si è in alcun modo verificato con MJ5, quindi la ‘sentenza di morte’ non ha senso di esistere su queste basi” il commento della Lav.

Tra le varie cose, poi, la Lav, presentando la diffida, ha anche ricordato che l’orso è un animale protetto nel suo habitat, nonché tutelato anche dalla norma penale, in particolare dagli articoli 544 bis e 544 ter del Codice penale volti a reprimere condotte integranti uccisioni e maltrattamenti ‘non necessitati’. Insomma, appare di per sé evidente che la parola “fine” su questa vicenda sia ben lontana dall’essere posta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MJ5: la Lav manda una diffida legale alla Provincia

TrentoToday è in caricamento