Martedì, 16 Luglio 2024
Dopo il proiettile

Fugatti rassicura: "Sono tranquillo e vado avanti"

Intanto si valuta la scorta per il presidente

Dopo la terribile minaccia ricevuta, che ha generato evidentemente un’onda di solidarietà, il presidente della Provincia Maurizio Fugatti ha commentato così: “Ringrazio anzitutto per i moltissimi attestati di solidarietà che sto ricevendo in queste ore. La prima cosa che mi sento di dire è che sono tranquillo e che proseguirò il mio lavoro come sempre ho fatto”.

Il proiettile e la minaccia

Un proiettile calibro 7.65 e un foglio di carta con scritte a penna sgrammaticate e in pessima calligrafia: un messaggio di minacce per Fugatti, in cui si legge anche: "Bastardo, il prossimo è il tuo". E sembrerebbero esserci anche riferimenti ai due figli del governatore. Si sta valutando di assegnare una scorta a Fugatti che, già in passato aveva ricevuto un proiettile via posta, un parabellum calibro 9, intercettato a gennaio dell'anno scorso e inviato assieme una lettera scritta con dei trasferelli contenente minacce riconducibili al mondo no vax. Minacce a Fugatti erano apparse anche in alcune zone della città lo scorso anno.

Quando Fugatti aveva avuto la scorta in passato

“Io non mollo”

“Ritengo che episodi come questo non meritino altri commenti. Ci tengo piuttosto a restituire con gratitudine l’attenzione e la sensibilità che mi arriva da più parti e a ringraziare a mia volta le forze dell’ordine e la magistratura per il lavoro che stanno facendo. A tutti voglio dire che non saranno certo le minacce a farmi vacillare di fronte agli impegni che mi sono preso con la comunità trentina” il commento del presidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fugatti rassicura: "Sono tranquillo e vado avanti"
TrentoToday è in caricamento