Trento, controllate più di mille persone: spaccio, evasione, «no mask» e non solo

Prosegue a ritmi serrati l'attività di controllo e monitoraggio del territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Trento

Raffica di controlli nel fine settimana tra venerdì 6 e domenica 8 novembre da parte di carabinieri del Comando provinciale di Trento, su tutto il territorio. I militari dell'arma hanno intensificato i controlli e le perquisizioni nelle diverse zone di spaccio per contrastare il fenomeno del consumo degli stupefacenti fra i giovani. L'azione, come sempre, mira a salvaguardare la salute delle persone e, soprattutto, dei giovani, quali nuove prede di venditori e a forte rischio. 

Le persone che sono state controllate nel weekend sono oltre un migliaio, tutte con precedenti specifici. Nella lunga lista di persone denunciate, segnalate o arrestate sono finiti: un gambiano di 22 anni di Rovereto che è stato denunciato in stato di libertà per detenzione di 7 grammi di hashish che custodiva in tasca mentre si trovava in un parco pubblico della città; un 22 della frazione di Cadine è stato arrestato a Trento dai militari della sezione Radiomobile perché avrebbe opposto resistenza al fine di sottrarsi al controllo, oltre che essersi rifiutato di fornire indicazioni sulla propria identità; un nigeriano di 20 anni è stato denunciato in stato di libertà per aver violato il divieto di ritorno nel comune di Trento; un nigeriano di 22 anni è stato segnalato al Commissariato del Governo quale assuntore di stupefacenti, poiché trovato in possesso di una modica quantità di metadone, in assenza di prescrizione medica; sempre a Trento, un tunisino di 38 anni, è stato denunciato in stato di libertà, poiché colto in luogo pubblico in stato di manifesta ubriachezza; un 52enne di Ala è stato denunciato a piede libero poiché, durante un controllo alla circolazione stradale, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso di 3 grammi di cocaina e 1 grammo di hashish; infine, un 49enne di Mori è stato denunciato in stato di libertà per evasione poiché, nel corso delle operazioni, veniva rintracciato in giro per il paese dopo essersi allontanato dall’abitazione dove si sarebbe dovuto invece trovare, perché agli arresti domiciliari. Inoltre, tre di loro sono stati sanzionati anche per il mancato uso della mascherina in luogo pubblico, in violazione della normativa anti-covid.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento