Cronaca Via G. Bertagnolli

Picchiata e cosparsa di benzina, lui è in cella per tentato omicidio

Secondo alcune testimonianze sarebbe sceso in strada chiedendo un accendino, l'allarme dato dai vicini: sul posto anche l'elisoccorso

E' di tentato omicidio l'accusa mossa al 36enne, arrestato a Mezzolombardo dopo aver picchiato selvaggiamente e cosparso di benzina una donna, con la quale conviveva saltuariamente. I vicini l'hanno sentita chiedere aiuto, con la voce che le rimaneva, sul balcone di una palazzina di via Bertagnolli, ed hanno chiamato i soccorsi.

I primi ad arrivare sul posto sono stati gli agenti della Polizia Locale della Rotaliana: hanno trovato l'uomo in strada, con la maglietta sporca di sangue ed in evidente stato di concitazione. Secondo le testimonianze raccolte tra i condomini, qualcuno avrebbe visto il 36enne, italiano di origini brasiliane, con un coltello da cucina. Un particolare che confermerebbe le intenzioni omicide dietro al folle e brutale gesto.

Quando i soccorsi sono arrivati la donna, cosparsa di benzina, faceva fatica a respirare. Sul corpo avrebbe riportati i segni delle percosse, ma non ferite da arma da taglio. In un primo momento si è pensato a conseguenze ben peggiori, tanto da allertare l'elicottero del 118. La donna, comunque ricoverata in ospedale, sarà sentita nelle prossime ore. Il convivente resta in carcere con l'accua di tentato omicidio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiata e cosparsa di benzina, lui è in cella per tentato omicidio

TrentoToday è in caricamento