Cronaca Centro storico / Via Giuseppe Verdi

Ferito nell'attentato a Strasburgo, la conferma: "E' in gravi condizioni"

Arriva, purtroppo, la conferma da Strasburgo: il giovane giornalista trentino, ferito nell'attentato, è grave

"Riguardo allo staff italiano di Europhonica a Strasburgo: dobbiamo confermare che la situazione è grave. Il collega italiano è in ospedale in grande difficoltà". Quella che per tutta la mattinata è stata una notizia mai confermata è diventata, purtroppo, realtà con il messaggio pubblicato pochi minuti fa su facebook da Europhonica, il coordinamento di radio universitarie con il quale collabora Antonio Megalizzi, 28enne trentino ferito nell'atttentato di Strasburgo.

La tragica notizia: Antonio è morto a Strasburgo

Le sue condizioni, dunque, sarebbero molto gravi. A confermarlo all'Ansa, nel pomeriggio, era stato anche Danilo Moresco, papà di Luana, fidanzata del giornalista. Aveva parlato di informazioni che inizialmente avrebbero lasciato sperare, e di una situazione che si sarebbe però aggravata.

La famiglia a Strasburgo: "Era entusiasta per il viaggio di lavoro"

"Vi chiediamo di nuovo di rispettare la famiglia e di attendere i futuri sviluppi della vicenda". Si legge nel post di Europhonica. Un invito, ribadito, a rispettare il dolore della famiglia di Antonio, arrivata in giornata a Strasburgo insieme alla fidanzata Luana. Sembra che  le condizioni del reporter siano gravissime: il proiettile si sarebbbe infilato in un punto alla base del cranio rendendo impossibile un intervento chirurgico. 

"Fondamentali le prossime 48 ore, speriamo in un miracolo"

Antonio Megalizzi dopo la laurea in Scienze della Comunicazione a Verona si è specializzato a Trento, sua città d'origine, dove ha collaborato con RTT, Radio Rai e Sanbaradio. Lavora per Radio 80 Forever Young, di Rovereto. Si trovava a Strasburgo da lunedì per seguire in diretta l'assemblea del parlamento Europeo con il progetto Europhonica. 

Il sindaco di Trento Alessandro Andreatta ha rivolto al giovane, ed ai familiari, la solidarietà di una città che segue la vicenda con molta apprensione. Tanti i messaggi di solidarietà, ed insieme condanna del gesto, da parte di esponenti delle istituzioni, dei partiti, dei sindacati e del mondo universitario. "Un giovane tenace, europeista  convinto" così lo ricorda il prof Fracasso, direttore della Scuola di Studi Internazionali dell'Università di Trento. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferito nell'attentato a Strasburgo, la conferma: "E' in gravi condizioni"

TrentoToday è in caricamento