Società trentina coinvolta in maxi frode internazionale: sequestro da 14 milioni

In un anno, la società avrebbe noleggiato più di 1000 veicoli di vari marchi, senza corrispondere i relativi canoni per il noleggio, provvedendo successivamente a rivenderle illecitamente, anche all’estero, a clienti privati inconsapevoli della frode, il tutto omettendo di dichiarare all’Erario i relativi redditi conseguiti.

Le indagini dei finanzieri trentini, coordinate dal Pm della Procura della Repubblica di Trento dottor Pasquale Profiti, sono partite a seguito delle querele presentate da tre società finanziarie e di leasing, fra le quali una controllata da un primario gruppo automobilistico mondiale, concentrandosi su un cittadino spagnolo. L'uomo è stato identificato quale amministratore di una filiale trentina di un gruppo societario spagnolo di autonoleggio, con numerose sedi operative all’estero (Spagna, Francia, Belgio, Portogallo, Romania, Polonia e Messico).

Le investigazioni delle Fiamme Gialle, comprensive di specifiche indagini fiscali finalizzate sia a ricostruire la rete commerciale della filiale trentina, che a far emergere le violazioni penal-tributarie correlate alle condotte illecite segnalate dai querelanti, hanno permesso di appurare come la società, tra il 2017 e il 2018, avrebbe noleggiato più di 1000 veicoli di vari marchi (principalmente berline e suv Fiat, ma anche Opel, Skoda, Peugeot, Nissan, Ford, Citroen e Toyota), senza corrispondere i relativi canoni per il noleggio, provvedendo successivamente a rivenderle illecitamente, anche all’estero, a clienti privati inconsapevoli della frode, il tutto omettendo di dichiarare all’Erario i relativi redditi conseguiti.

Al fine di individuare le automobili vendute, le attività di indagine sono state condotte anche attraverso una complessa attività investigativa transnazionale, che ha visto un largo ricorso a procedure di cooperazione internazionale, attuate tramite il II reparto “Coordinamento informativo e relazioni internazionali” del Comando Generale della Guardia di Finanza, con le Forze di Polizia tedesche, francesi, belghe e greche, che ha permesso di rintracciare e porre sotto sequestro 800 automobili del valore di mercato di oltre 14 milioni di euro, già riconsegnate alle società frodate.

All’esito delle indagini, gli investigatori del nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trento, hanno denunciato l’amministratore della filiale trentina, sita in via Brennero, risultato essere a capo anche dell’intero gruppo societario spagnolo di autonoleggio, un uomo di 44 anni, per concorso in appropriazione indebita aggravata unitamente a nove dirigenti (sei spagnoli e tre italiani) di quel gruppo.

L'amministratore spagnolo, denunciato anche per l’omessa dichiarazione dei redditi della impresa trentina, è attualmente ricercato in quanto destinatario di un Mandato di Arresto Europeo (Mae) emesso dal Gip del Tribunale di Trento. Sono stati, inoltre, denunciati, per favoreggiamento, una donna italiana della provincia di Latina che si è intestata fittiziamente la proprietà di alcuni autoveicoli, mentre per riciclaggio, tre italiani titolari di alcuni autosaloni in Bulgaria, ad Anzio e Gallarate, per aver consapevolmente rivenduto a privati automobili di provenienza illecita tramite tre società che, a loro volta, sono state segnalate alla locale Autorità giudiziaria per responsabilità amministrativa dipendente da reato.

Le correlate indagini fiscali, comprensive dell’analisi dei dati informatici sequestrati all’atto dell’accesso alla società trentina di autonoleggio, hanno permesso di qualificare tale società come “evasore totale”, avendo la stessa omesso di presentare, per i periodi d’imposta 2017 e 2018, le prescritte dichiarazioni dei redditi ai fini Ires, Irap e Iva, e di recuperare a tassazione quasi 30 milioni di euro di imposte evase.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operazione di servizio, come spiegano dal Comando, rappresenta un chiaro esempio dell’impegno profuso dalla guardia di finanza a salvaguardia degli interessi economico-finanziari non solo pubblici, ma anche della sana imprenditoria e di tutti i privati cittadini, perseguendo lo scopo di intercettare i flussi finanziari generati da comportamenti illeciti suscettibili di inquinare il tessuto economico legale e di falsare le condizioni di libera concorrenza sul mercato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

  • Cade dal sentiero a picco sul lago: un altro escursionista sente le grida e chiama il 112

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento