menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Trentino arriva un master per i beni Unesco

A decorrere dall'anno accademico 2012-2013 verrà istituito a Trento presso STEP-Scuola, la scuola "per il governo del territorio e del paesaggio" costituita nell'ottobre 2009 presso Trentino School of Management

In Trentino nasce un master internazionale per la conoscenza e la gestione dei beni naturali iscritti nella lista del Patrimonio mondiale naturale dell’umanità, con particolare riferimento ai siti montani e alle Dolomiti. Il master si chiama  World natural heritage management (WNHM) e a decorrere dall’anno accademico 2012-2013 verrà istituito a Trento presso STEP-Scuola, la scuola "per il governo del territorio e del paesaggio" costituita nell'ottobre 2009 presso Trentino School of Management.

"Sarà un master - ha detto l'assessore provinciale Gilmozzi - caratterizzato dal fattore naturale ed ambientale, a distinguerlo da quelli dell'Università di Torino che riguardano i siti culturali. Si occuperà dunque di Dolomiti, montagne, ambienti naturali. Quella che si apre è una nuova, importante opportunità: la  formazione universitaria si affianca a quella di STEP con l'obbiettivo di diffondere il più possibile, ad ogni livello, la consapevolezza del valore naturale dei beni. Non  solo: lo scenario è anche quello di uno sviluppo economico che sappia legarsi a quel fattore di unicità assoluta che il patrimonio UNESCO rappresenta nel panorama dei prodotti turisti. A fronte di un orizzonte fatto di offerte sempre più omologanti e standardizzate, noi possiamo e vogliamo distinguerci a partire appunto dalle Dolomiti, ma sapendo anche che in questo sistema possiamo comprendere le aree di Ledro e Fiavé e, prossimamente, il sistema delle fortificazioni austroungariche".
 
Il master internazionale Unesco sarà rivolto principalmente a professionisti impegnati nella gestione dei siti Unesco e vuole approfondire tematiche riguardanti la valorizzazione e la gestione dei siti stessi, con particolare riferimento a problematiche relative al patrimonio naturale ed ambientale, allo sviluppo sostenibile e agli aspetti culturali dei beni naturali.
 
L’obiettivo è la formazione di profili professionali - quali manager ed imprenditori culturali di sistemi locali - che, dotati di capacità e competenze gestionali e tecniche, siano promotori non solo di conservazione, ma anche di sviluppo culturale, sociale ed economico. Le macroaree di insegnamento riguardano la valorizzazione del territorio ed il suo sviluppo economico, le politiche culturali ed ambientali, la pianificazione e la gestione dei siti stessi.  L'accordo di programma approvato dalla giunta provinciale regola i rapporti tra i diversi partners protagonisti del progetto che coinvolge, oltre alla Provincia autonoma di Trento e a  STEP-Scuola, anche l’Università di Torino, il Politecnico di Torino, l’International Training Centre dell’ILO e il Centro di ricerca e formazione Category 2 UNESCO Centre on the Economics of culture and World Heritage Studies di Torino.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Cucciolo di orso trovato morto sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, i dati del 6 maggio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento