Alto Adige: mascherina obbligatoria anche all'aperto in due comuni

Visto l'affollamento delle aree pedonali garantire la distanza di 1 metro è impossibile: i sindaci corrono ai ripari

Mascherina obbligatoria in centro storico: l'ordinanza è stata presa da due comuni turistici dell'Alto Adige, Vipiteno e San Candido, particolarmente affollati in questo periodo. L'Alto Adige risulta essere il secondo territorio italiano, dopo la Sicilia, dove è stato registrato l'indice Rt più alto. Al terzo posto c'è la vicina provincia di Trento.

Nelle ultime 24 ore in provincia di Bolzano si sono registrati 7 nuovi casi di coronavirus, di cui 5 a Bolzano, su un totale di 1.209 tamponi. Le persone attualmente positive sono 128, quelle in quarantena sono 1.137 ed i ricoverati sono 8, nessuno in rianimazione.

A preoccupare maggiormente sono i due focolai in ambito alberghiero scoperti in due luoghi a vocazione turistica, la Val Badia e la Val Pusteria. Con la stagione estiva in corso ed anche in conseguenza alla presenza di numerosi turisti stranieri, principalmente tedeschi ed austriaci, diversi sindaci guardano alle ordinanze emesse a San Candido e Vipiteno.

In Trentino la mascherina è obbligatoria solamente all'interno dei luoghi pubblici (negozi, supermercati, uffici pubblici, ma anche bar e ristoranti quando non si è seduti al tavolo) e fino al 31 agosto. I numeri, però, sono simili a quelli dell'Alto Adige, seppur leggermente inferiori: 80 persone attualmente positive, 6 ricoverati e 72 persone seguite a domicilio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

Torna su
TrentoToday è in caricamento