rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
La tragedia / Canazei

Marmolada, "perché nessuno li ha fermati?"

Alla disperazione dei parenti il procuratore di Trento risponde: "Escludiamo una prevedibilità o un'imprudenza"

Il bilancio provvisorio della tragedia della Marmolada dovuta al distacco del seracco di domenica scorsa, 3 luglio, è di sette vittime (tra cui la trentina Liliana Bertoldi), otto feriti (tra cui i trentini Davide Carnielli, Laura Sartori e Giuseppe Spinelli) e cinque dispersi, tutti di nazionalità italiana.

Il numero dei dispersi è fortemente calato rispetto alle prime stime (si era parlato di 20 persone) perché le persone rintracciate in gran parte sono stranieri che non avevano colto la gravità del momento, non avendo informazioni, e che si sono fatte vive tramite le rispettive ambasciate. 

Per dare un nome e un cognome ai resti sarà fondamentale il lavoro dei carabinieri del Ris di Parma, che dovranno confrontare i campioni di materiale genetico prelevati dai resti recuperati sul ghiacciaio con quello dei parenti che sono in attesa di avere certezze sulla tragica fine dei loro cari. "In tre o quattro punti abbiamo ritrovato sia dei resti umani che attrezzatura alpinistica e tutto è stato già prelevato dagli operatori in elicottero", ha spiegato il presidente del soccorso alpino nazionale Maurizio Dellantonio. "Ci sono - ha aggiunto - parti umane, di dimensioni molto piccole, tante neanche collocabili in una parte del corpo o in un'altra. Tutti quanti verranno esaminati per trovare anche un minimo di relazione tra un reperto e l'altro".

Marmolada, Fugatti: “Ricerche a oltranza, non lasceremo nulla di intentato”

"Non c'è stata nessuna imprudenza"

"Perché nessuno ha fatto un avviso sabato, che c'era l'acqua che scorreva sotto il ghiacciaio? Perché non hanno fermato le persone? Perché le hanno lasciate andare?". Sono le domande che ripete la sorella di Erica Campagnaro, tra gli alpinisti attualmente dispersi assieme al marito Davide Miotti, fuori dal centro operativo allestito a Canzei. "Era una bella giornata di sole, sì, per carità, ma se sotto scorre l'acqua... se c'è una responsabilità, andremo fino in fondo", ha concluso la donna.

CITYNEWSANSAFOTO_20220706050658768_010625686c0dfc3d3332d6dfbe3ce02e-2

La sorella di Erica Campagnaro all'esterno del centro operativo allestito a Canazei, 5 luglio 2022 (A. Solero/Ansa)

Per il disastro della Marmolada "in questo momento possiamo escludere assolutamente una prevedibilità e una negligenza o un'imprudenza", ha chiarito il procuratore capo di Trento Sandro Raimondi, che ha in mano il fascicolo aperto contro ignoti per disastro colposo.

"L'imprevedibilità in questo momento è quella che la fa da protagonista - ha detto Raimondi -. Per avere una responsabilità bisogna poter prevedere un evento, cosa che è molto, molto difficile. Quando mi hanno chiamato i carabinieri subito dopo la tragedia, mi hanno parlato di situazione quasi apocalittica".

Marmolada, cosa ha innescato il crollo del ghiacciaio

Negli ultimi giorni scienziati, alpinisti, politici hanno rilanciato l’allarme per lo scioglimento dei ghiacciai e in molti chiedono un sistema fisso di controlli e bollettini quotidiani che, alla fine, consentano di issare una bandiera rossa nei giorni di rischio elevato, come succede da tanti anni sulle spiagge. E poi i bollettini sui livelli di sicurezza dei ghiacciai, redatti sulla falsariga di quelli invernali su rischio valanghe e stato delle piste da sci. Fino a domenica nulla segnalava la loro urgenza.

Messner: "Dieci gradi sulla Marmolada è troppo"

C'è chi è molto scettico su eventuali soluzioni rapide che passano per leggi di divieto o per imperativi assoluti con ordinanze prefettizie, regionali o comunali. Sbarrare quattromila ghiacciai alpini non è certo un'opzione, ma limitarne in qualche modo e in alcuni luoghi l'accesso da aprile a ottobre è un'ipotesi. Tutto non può che iniziare da una presa di coscienza: la montagna sta cambiando, non è più quella di una volta. 

L'accusa dei Verdi: "Tragedia annunciata"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmolada, "perché nessuno li ha fermati?"

TrentoToday è in caricamento