Ingegnere morto sul lavoro, Cgil: "Siamo vicini alla famiglia". Aperta un'inchiesta

"Il sindacato si mette a disposizione della fammiglia" si legge in una nota. Aperta una doppia inchiesta sulla morte in cantiere

E' una tragedia che ha scosso il mondo del lavoro trentino quella avvenuta ieri a Storo, dove Marco Bindo, ingegnere di 47 anni, ha perso la vita cadendo da un ponteggio. Solidarietà e vicinanza alla famiglia da parte della Cgil sono state espresse questa mattina in una nota diffusa dal sindacato di via Muredei.

"In questo momento il nostro pensiero va alla moglie, ai figli e a tutte le persone che erano più vicine al lavoratore. Cgil del Trentino mette a disposizione della famiglia tutti i servizi di assistenza e tutela di cui dispone il sindacato" 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marco Bindo, professionista di Pinzolo, stava eseguendo un sopralluogo nel cantiere di un'ex discoteca in fase di ristrutturazione, quando è caduto da un ponteggio. Una caduta fatale sulla quale è stata aperta una doppia inchiesta, dopo le indagini avviate dai carabinnieri e dall'Ispettorato del Lavoro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

Torna su
TrentoToday è in caricamento