rotate-mobile
Cronaca San Giuseppe / Via Livio Marchetti

Dramma in via Marchetti: Rampanelli ha chiamato la Questura prima di buttarsi

Ecco il racconto di uno dei primi agenti intervenuti poco prima delle 15.00 in via Marchetti quando l'uomo era ancora sul tetto. In camera accanto ai corpi delle due vittime, è stato trovato un biglietto...

Ci sarebbe la gelosia dietro al folle, terribile gesto compiuto da Claudio Rampanelli, l'uomo che oggi, nel primo pomeriggio, ha ucciso a coltellate la convivente, Laura Simonetti, e la figlia di lei, Paola Ferrarese, prima di togliersi la vita gettandosi dal tetto del palazzo. I poliziotti hanno trovato un biglietto accanto ai corpi delle due donne in camera da letto. Inoltre pare che l'uomo abbia chiamato la Questura prima di togliersi la vita.

Secondo quanto racconta uno dei primi agenti intervenuti, alle 14.55 circa, Rampanelli si trovava già sul tetto, pronto a farla finita. I poliziotti, arrivati al palazzo di via Marchetti, hanno suonato ai vicini per farsi aprire, una volta dentro hanno percorso il lungo corridoio che porta in un patio interno. Hanno alzato gli occhi ed hanno visto l'uomo sul tetto che ha gridato loro di togliersi di mezzo: "Non ce la faccio più, mi butto". Il perchè, se un perchè c'è, lo hanno scoperto entrando nell'appartamento del primo piano. PER GLI INQUIRENTI IL CASO E' CHIUSO: LA RICOSTRUZIONE DEL DELITTO, clicca qui...

DRAMMA IN VIA MARCHETTI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dramma in via Marchetti: Rampanelli ha chiamato la Questura prima di buttarsi

TrentoToday è in caricamento