menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sassi e insulti davanti alla caserma dei carabinieri, denunciati 50 anarchici: alcuni residenti a Trento

Avevano organizzato un sit-in davanti al carcere manifestando la propria solidarietà in favore di un detenuto, da poco trasferito alle Novate, che in precedenza era nel carcere di Ascoli Piceno dove dopo una rivolta alcuni detenuti erano deceduti

Identificati e denunciati 50 anarchici che a inizio febbraio hanno manifestato, lanciato sassi contro il comando dei carabinieri e insultato i militari a Piacenza. Tra loro anche gente residente a Trento. Come riporta Il Piacenza, cinquanta militanti d’area anarco-insurrezionalista, tutti con precedenti penali o di polizia, sono stati denunciati dal Nucleo Informativo dei carabinieri perché ritenuti responsabili in concorso tra loro di organizzazione di manifestazione non autorizzata, interruzione aggravata di pubblico servizio, vilipendio delle forze armate, radunata sediziosa e violazione delle norme di contenimento in materia di emergenza epidemiologica da covid-19. Il 7 febbraio, per tutto il pomeriggio, davanti al carcere di Piacenza, con un sit-in di protesta, insieme ad altri militanti, circa 60 in totale, provenienti da diverse regioni del nord Italia, avevano manifestato la propria solidarietà in favore di un detenuto, da poco trasferito alle Novate, che in precedenza era nel carcere di Ascoli Piceno dove dopo una rivolta alcuni detenuti erano deceduti.

Una pattuglia del Radiomobile di Piacenza posta all’altezza della strada che porta all’ingresso principale del  carcere  di  Piacenza, con compiti di pre-filtraggio ed interdizione al passaggio di veicoli non autorizzati, ha controllato un furgoncino con a bordo quattro giovani due dei quali erano destinatari di notifiche atti e contestazione di reati e violazioni amministrative. Per questo erano stati portati al comando di via Beverora per gli accertamenti. Altri manifestanti che si trovavano davanti al carcere di Piacenza, appena hanno saputo che quattro di loro erano stati fermati da una pattuglia dei carabinieri e condotti in caserma, alle 17,50 circa si sono radunati davanti al comando di viale Beverora, dando vita a una manifestazione di protesta improvvisata, brandendo sassi ed urlando frasi oltraggiose verso l’Arma dei carabinieri e i suoi appartenenti, chiedendo la liberazione dei quattro compagni in quel momento ancora in caserma.

«Ciò cagionava» sottolineano i carabinieri in una nota stampa «un perturbamento dell’ordine e della sicurezza pubblica che portava alla chiusura al pubblico, per motivi di sicurezza, di tutti gli uffici del comando e il reimpiego davanti all’ingresso principale dell’intero contingente del servizio di ordine pubblico che si trovava davanti al carcere. Per circa mezz’ora, inoltre, sino a quando la manifestazione improvvisata ha avuto luogo, via Beverora è stata chiusa al traffico».

I carabinieri del Nucleo Informativo, con l’ausilio dei colleghi di Bologna, Modena, Reggio Emilia, Torino, Como, Milano, Genova, Trento e Vicenza, dopo aver attentamente visionato materiale informatico, i video delle telecamere di videosorveglianza e svolto un minuzioso lavoro di interscambio informativo, sono riusciti a identificare compiutamente 50 manifestanti. Si tratta di 21 uomini e 29 donne, tra i 20 e i 41 anni, residenti nelle provincie o città di Pavia, Milano, Torino, Trento, Brescia, Cuneo, Genova, Vicenza, Varese, che sono stati denunciati per concorso in organizzazione di manifestazione non preavvisata all’autorità di pubblica sicurezza, concorso in interruzione aggravata di pubblico servizio, concorso in vilipendio delle forze armate, radunata sediziosa e violazione delle norme di contenimento in materia di emergenza epidemiologica da covid-19. Per tutti, inoltre, è stata avanzata alla locale Questura la proposta di foglio di via obbligatorio dal Comune di Piacenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento