rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Maltempo e interventi / Alto Garda e Ledro

Surfista disperso e due persone soccorse nel lago: le onde erano altissime

Tre telefonate con le richieste di aiuto sono arrivate nel pomeriggio di sabato

Si cerca una persona dispersa nel lago di Garda e altre due sono state recuperate nella giornata di sabato 9 aprile, quando le onde alte diversi metri e il maltempo si sono abbattuti sul tutte e tre le province bagnate dal benàco, rendendo quelle acque impraticabili.

La prima telefonata con alla sala operativa della guardia costiera è arrivata intorno alle 19 e segnalava il mancato rientro di un windsurfista tedesco, che intorno alle 16 aveva parcheggiato la propria auto vicino a un'area di sosta di un albergo nel comune di Tignale per immergersi nel lago.

Immediato l’intervento di Cp862, la motovedetta della guardia costiera, di una pattuglia terrestre e di un un’unità dei vigili del fuoco di Riva del Garda. Si è anche alzato un elicottero dell’aeronautica militare di Poggio Renatico, sono intervenuti poi i carabinieri di Gargnano e i vigili del fuoco di Brescia  con i droni.

Intorno alle 3 di domenica mattina, mentre l’elicottero dell’aeronautica e la motovedetta della guardia costiera erano impegnati in attività di ricerca su una vasta area che abbracciava il centro e alto Garda, i vigili del fuoco hanno individuato, a pochi metri dalla costa, una tavola da windsurf vicino al circolo velico del comune di Toscolano Maderno. Recuperata, è stata ricollegata all'uomo. Le ricerche del disperso sono proseguite tutta notte e continueranno anche domenica.

Sempre nel pomeriggio sabato, durante il passaggio della forte perturbazione, i guardiacoste di Salò, insieme ai vigili del fuoco di Bardolino, sono intervenuti in soccorso di un velista in difficoltà e alla deriva, poi recuperato a bordo della motovedetta della guardia costiera, nelle acque di Lazise ed è sbarcato a Peschiera.

Intorno alle 18, un altro immediato intervento è stato messo in atto da parte della guardia costiera, a un diportista che, infortunatosi a una mano su un gommone a largo del porto di Portese di San Felice del Benaco, è stato raggiunto, trasbordato, assistito per la ferita e trasferito nel porto vicino porto, dove era stato richiesto l’intervento del 118 che dopo pochi minuti lo ha preso in carico per le cure del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Surfista disperso e due persone soccorse nel lago: le onde erano altissime

TrentoToday è in caricamento