Devastante

La conta dopo la furia del maltempo: treni cancellati, strade e funivie off limits

Solo in Tirolo, nelle ultime ore, si sono registrati 500 interventi dei vigili del fuoco per alberi caduti, tetti scoperchiati, cabinovie bloccate e cantine allagate

I temporali che ieri hanno fustigato il Trentino Alto Adige continuano a provocare disagi per i danni arrecati al territorio. Anche i treni si sono dovuti fermare per lo stop della circolazione su alcune linee ferroviarie dopo che alcuni alberi sono stati sradicati dal vento, cadendo sui binari. In particolare il vento ieri ha superato i cento chilometri orari, squarciando i tetti delle case, come successo a Brunico. Solo in Tirolo, nelle ultime ore, si sono registrati 500 interventi dei vigili del fuoco per alberi caduti, tetti scoperchiati, cabinovie bloccate e cantine allagate.

Crolla la torretta dello stadio: annullata l’amichevole

In particolare ieri alla stazione di Brennero, alcuni alberi caduti sulla linea ferroviaria hanno provocato l'interruzione di corrente e il blocco dei treni. Almeno tre i treni fermi con un migliaio di persone a bordo bloccate al confine. Off limits la linea ferroviaria Fortezza-Brunico e il trenino del Renon tra Soprabolzano e Maria Assunta come anche la funivia della Mendola. La Croce bianca di Vipiteno e il personale della Protezione civile hanno assistito i viaggiatori, distribuendo acqua potabile. Solo ieri sera tardi i convogli hanno potuto gradualmente riprendere il viaggio.

Strade chiuse in trentino

In Trentino invece i problemi non riguardano direttamente arterie importanti della circolazione su rotaia però di alberi caduti ce ne sono stati molti e anche qui i vigili del fuoco sono ancora al lavoro per ripristinare la viabilità. Sono ancora chiuse per lavori di rimozione piante e pulizia della sede stradali la Ss50 del Grappa e passo Rolle e la Ss 346 del passo San Pellegrino, in località Fango, nel comune di Moena.

La tempesta travolge boschi e paesi: decine gli alberi caduti - Video

Gran lavoro anche per il Soccorso alpino: la Stazione di Moena è stata attivata per prestare soccorso alle persone bloccate nelle cabinovie dell'impianto di risalita che da Predazzo sale sul gruppo del Latemar. In un primo momento sembrava fosse necessario procedere all'evacuazione delle circa 50 persone dalle cabinovie, ferme a causa del vento e di alcune piante che si sono abbattute sulle funi. Con il miglioramento delle condizioni meteo, intorno alle 19.30, l'impianto di risalita è stato fatto ripartire e le persone sono state fatte scendere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La conta dopo la furia del maltempo: treni cancellati, strade e funivie off limits
TrentoToday è in caricamento