Maltempo, superata la fase critica, resta allerta gialla

Innumerevoli le chiamate ai vigili del fuoco e alla Centrale operativa, anche per i tanti alberi che hanno ostruito la viabilità

I vigili del fuoco in uno degli interventi del fine settimana

Il picco dell'emergenza per maltempo e l'allerta arancione sono stati considerati conclusi nella serata di sabato 3 ottobre sera, lo stato di allerta gialla, però, rimane confermato fino a lunedì 5 ottobre, perché piogge localizzate potrebbero comportare ancora delle criticità localizzate. A confermarlo è la sala operativa della Protezione civile che nel tardo pomeriggio di sabato ha fatto il punto dell'emergenza maltempo con i responsabili dei vari settori coinvolti.

Maltempo inizio ottobre Trento 2-2-2

Le precipitazioni di sabato si sono scaricate prevalentemente sul fronte occidentale e orientale, colpendo con minore intensità l'asta dell'Adige. Ad ovest, invece, le piogge sono state piu abbondanti delle previsioni, con punte di 160 millimetri in Val Rendena, e conseguente ingrossamento del fiume Sarca. A Ponte Pià le portate in transito hanno raggiunto valori significativi superiori a 450 metri cubi al secondo. Alcune criticità si sono registrate nelle campagne di Pietramurata, Dro ed Arco, dove l'onda di piena è stata controllata con interventi di protezione civile all'altezza della zona industriale di Linfano.

La perturbazione ha coinvolto poi l'alta Val di Sole, con notevole incremento di portata dei torrenti. Sul Noce si sono registrati fino a 200 metri cubi al secondo di portata (a Pellizzano). Altre situazioni critiche si sono verificate lungo i torrenti Vermigliana, Rabbies ed affluenti laterali. Stretta la collaborazione fra vigili del fuoco, tecnici provinciali e corpo forestale per alcune aree prative ed agricole allagate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fra le emergenze è stata segnalata l'ostruzione di un tratto intubato del rio Salin ad Ossana, allagamenti per la Vermigliana sui prati di Volpaia e sul Noce allagamenti delle campagne fra Ossana, Pellizzano e la confluenza con il rio Corda. Innumerevoli le chiamate ai vigili del fuoco e alla Centrale operativa, anche per i tanti alberi che hanno ostruito la viabilità. Gran lavoro anche nel capoluogo per decine di interventi ma di lieve intensità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

  • Fugatti: "Ristoranti aperti fino alle 22 ed i bar fino alle 20"

  • Tenna, incidente mortale in tarda serata: la vittima è Luca Maurina

  • Coronavirus e Dpcm: una via trentina per scuola e ristorazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento