Cronaca

Caso malaria: i periti confermano il contagio al Santa Chiara per Sofia

La relazione mette in luce alcuni punti deboli nelle procedure adottate. Il rapporto, suddiviso in tre tomi, conferma, come detto, che la piccola è stata contagiata all’ospedale Santa Chiara di Trento, dopo essere stata ricoverata coi sintomi di una influenza

È stata depositata in tribunale a Trento la relazione dei periti veronesi che conferma il contagio, avvenuto all'ospedale Santa Chiara, di Sofia Zago, la bambina morta a soli 4 anni per malaria. La relazione mette in luce alcuni punti deboli nelle procedure adottate. Il rapporto, suddiviso in tre tomi, conferma, come detto, che la piccola è stata contagiata all’ospedale Santa Chiara di Trento, dopo essere stata ricoverata con i sintomi di una normale influenza.  È stato confermato quindi - come già era stato anticipato a fine novembre - che il ceppo di malaria che ha ucciso Sofia è lo stesso riscontrato in una delle due bambine africane ricoverate nello stesso periodo all’ospedale trentino. Dovendo escludere che il contagio possa essere avvenuto da una zanzara autoctona o importata, l’unica ipotesi possibile resta quindi l’errore sanitario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso malaria: i periti confermano il contagio al Santa Chiara per Sofia

TrentoToday è in caricamento