Cronaca Oltrefersina / Viale Verona

"Abbiamo un tuo video mentre guardi porno": il cyber-ricatto anche in Trentino

Sono diversi i casi segnalati in provincia di Trento, centinaia in tutta Italia. Ecco l'ultima trovata dei criminali informatici

La "minaccia porno" si è diffusa nell'ultimo mese anche in Trentino

"Abbiamo un tuo video mentre guardi un porno": il ricatto telematico arriva anche in Trentino. Sono diversi i casi denunciati alle forze dell'ordine trentine, il fenomeno riguarda tutta l'Italia ed ha assunto una dimensione preoccupante circa un mese fa. La vicenda sta impegnando le sezioni di Polizia Postale su tutto il territorio nazionale ma, come spesso capita in questi casi, risalire  ai responsabili è difficile se non impossibile. 

"Abbiamo la tua password. Se non verserai 2.900 dollari in bitcoin, manderemo ai tuoi contatti mail o social un video di te mentre guardi porno"

La minaccia è chiara, le responsabilità invece sono coperte dall'ombra della rete. Il primo a ricevere il ricatto via mail è stato un utente in Veneto, nei primi giorni di luglio. Da allora l'estorsione telematica è diventata virale. Una vera e propria cyber-estorsione, messa in atto da criminali informatici che riescono ad estorcere denaro comodamente seduti di fronte al proprio schermo. 

La Polizia Postale: "Non c'è niente di reale"

Sono centinaia le mail di questo tipo già inviate, ma potrebbero essere molte di più visto che non tutti trovano il coraggio di denunciare. "Attenzione: nulla di tutto ciò è reale": recita così un comunicato della Polizia postale in merito alla "minaccia porno". Gli agenti hanno infatti accertato che si tratta dell'ultima modalità con cui "criminali informatici senza scrupoli tentano di costringere i malcapitati a subire una vera e propria cyber-estorsione".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Abbiamo un tuo video mentre guardi porno": il cyber-ricatto anche in Trentino

TrentoToday è in caricamento