rotate-mobile
Cronaca / Val di Fiemme e Fassa / Via Lagorai

In tre bloccati dalla tempesta sul Lagorai

Il complicato intervento del Soccorso alpino

Certamente, i tre escursionisti tedeschi (una donna di 59 anni, una giovane di 28 e un ragazzo di 26 anni, rispettivamente mamma e figli) non dimenticheranno facilmente l’escursione da brividi – in tutti i sensi – che hanno vissuto ieri, martedì 23 maggio, mentre erano in cima a Dos Caligher, 2200 metri sul gruppo del Lagorai nell’area di Predazzo.

I tre stavano procedendo verso il bivacco Paolo e Nicola (celebre in fatto di cronaca per la tragedia di Nicola Spagnolo e dell’atterraggio di fortuna di un velivolo lo scorso inverno), quando sono stati sorpresi da un temporale e dalla grandine, che hanno impedito loro di proseguire. Inevitabile, quindi, la chiamata al Nue (Numero unico emergenze) 112, avvenuta intorno alle 15.30.

Pochi giorni fa, un altro tedesco salvato in Trentino

La Centrale Unica di Trentino Emergenza ha chiesto l'intervento della stazione di Moena, mentre l'elicottero non è potuto decollare da Mattarello a causa della scarsa visibilità in quota. Quattro soccorritori sono quindi saliti fino a malga Valmaggiore con i mezzi e da lì, a piedi, hanno percorso il sentiero innevato fino a raggiungere i tre escursionisti, illesi ma decisamente infreddoliti, intorno alle 18.30. Considerato che il percorso di rientro sarebbe stato lungo e pericoloso per la presenza di pendii ripidi e molta neve e grazie a un miglioramento delle condizioni meteo, l'elicottero di Trentino Emergenza è riuscito a volare in quota per recuperare i tre escursionisti e i soccorritori e per portarli a valle in sicurezza fino a malga Valmaggiore.

La raccomandazione

Una brutta disavventura, fortunatamente terminata con un sospiro di sollievo e una notte passata al caldo per la madre e i due figli, dopo la pessima esperienza al gelo e bloccati dal maltempo. Un’esperienza, però, che dà spunto al Soccorso alpino trentino per ricordare una cosa tanto semplice quanto fondamentale, soprattutto quando si parla di alta quota: bisogna sempre prestare molta attenzione nella preparazione della propria escursione, consultando i bollettini meteorologici e informandosi sulle condizioni ambientali del luogo in cui si intende andare. Anche perché se a valle sembra di essere già in estate, in vetta è ancora possibile trovare neve e ghiaccio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In tre bloccati dalla tempesta sul Lagorai

TrentoToday è in caricamento