L'Altra Trento dopo il caso del libro all'Arcivescovile: "Basta finanziamenti a scuole paritarie omofobe""

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

“L’omosessualità è un disordine nella costruzione della propria identità” ed “è una tendenza contro il progetto di Dio”.  “E’ alquanto opportuno accompagnare l’omosessuale perché modifichi il suo orientamento sessuale” sono queste le frasi contenute, a quanto si apprende dalla stampa nazionale,  in un libro consigliato da un docente di religione cattolica in una scuola paritaria di Trento. Ed ecco che ancora una volta ci troviamo a dover denunciare l'intolleranza verso orientamenti omosessuali in una scuola paritaria di Trento. Già nel luglio 2014 avevamo denunciato una grave discriminazione compiuta al Sacro Cuore ai danni di una docente, che non ha avuto il rinnovo del contratto perché sospettata di essere lesbica.  A distanza di due anni, presso l'Istituto Arcivescovile, e per giunta nella scuola secondaria di primo grado, viene addirittura promossa la cultura dell'intolleranza verso chi ha orientamenti sessuali diversi da quelli previsti dalla religione cattolica. Pur riconoscendo dignità e diritto al rispetto di chi professa la religione cattolica, come qualsiasi altra religione, non è ammissibile che l'insegnamento di questa disciplina sia utilizzato per educare all'intolleranza in una scuola finanziata con denaro pubblico, che come tale è sottratto alla scuola pubblica, e che è ubicata sul territorio italiano, la cui Costituzione non ammette alcun tipo di discriminazione. 

L'Altra Trento a sinistra chiede, ancora una volta, la sospensione dei finanziamenti pubblici alle scuole paritarie e invoca l'intervento di Ugo Rossi, governatore con delega all'istruzione, affinché sia garantita la funzione educativa di ogni scuola, pubblica e paritaria, e sia promossa in tutte le scuole di ogni ordine e grado che si trovano in provincia di Trento  l'educazione alla pari dignità di tutte le persone.

Torna su
TrentoToday è in caricamento