Cronaca

Lezioni sulla Costituzione nel carcere di Spini di Gardolo

Grazie ad una convenzione tra Giurisprudenza e l'associazione Apas, alcuni professori e ricercatori della facoltà svolgeranno un programma di lezioni sulla Costituzione

Il diritto può contribuire a costruire consapevolezza e integrazione anche in un ambiente come il carcere. Ne è convinto un gruppo di giuristi dell'Università di Trento che da lunedì 6 marzo terrà un ciclo di lezioni sulla Costituzione nel carcere di Spini di Gardolo. La facoltà di Giurisprudenza e l'associazione provinciale di aiuto sociale per i detenuti, gli ex-detenuti e le loro famiglie, hanno stipulato una convenzione, in base alla quale alcuni professori e ricercatori della facoltà svolgeranno un programma di lezioni sulla Costituzione.

"In questo modo – spiega Carlo Casonato, responsabile del progetto per la facoltà – cercheremo di instaurare un dialogo a più voci centrato su alcuni principi costituzionali che possono concretamente servire da strumenti di emancipazione e integrazione dei detenuti nella vita sia dentro sia fuori del carcere. L'obiettivo è rendere per quanto possibile concreto lo scopo rieducativo della pena, così come previsto dall’articolo 27 della nostra Costituzione».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lezioni sulla Costituzione nel carcere di Spini di Gardolo
TrentoToday è in caricamento