menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lettiere dei gatti nel residuo, Il Comune: "Basta svuotarlo più volte". Pagando.

Come per i pannolini la dicitura "compostabile" non è accettata dal Comune. Per evitare di incorrere in odori sgradevoli basta esporre più frequentemente il bidone, ovviamente pagando di più

Botta e risposta tra il Comune di Trento e gli amministratori del portale Trentino Dogs: dopo le richieste, da parte di questi ultimi, di chiarimenti su dove gettare escrementi e lettiere di animali domestici (organico o residuo? clicca qui) la risposta è arrivata velocemente. "La destinazione corretta degli escrementi di animali è nella frazione del residuo. Nel contenitore marrone dell'organico vanno smaltiti unicamente i “rifiuti da cucine e mense”, quindi né escrementi né lettiera anche se indicata biodegradabile. Diverso è il discorso se l'utente pratica in casa il compostaggio domestico. In questo caso, se lo ritiene opportuno, può conferire anche gli escrementi dei propri animali" si legge nella  risposta dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico.

A questo punto però sorge un altro problema: in utenze domestiche fino a 4 famiglie il residuo va conferito nell'apposito bidone da 120 litri, che va esposto solamente nei giorni di raccolta, nel punto concordato. Questo significa, sottolineano gli amministratori di Trentino Dogs, che gli svuotamenti avvengono di norma ogni 2-3 mesi. Tenere  in casa, o anche nelle immediate vicinanze, un bidone pieno di escrementi animali, per un tale  periodo, specialmente d'estate, può causare non pochi problemi. Si pensi, per esempio, ai bidoni del residuo condivisi con altre famiglie. 

La vicenda si complica. Nuova risposta del Comune: è sempre possibile esporre il bidone del residuo più frequentemente, anche quando non è completamente pieno, evitando così di incorrere in sgradevoli odori. E' chiaro però  che questa è una soluzione che ha un costo dato che la tassa sui rifiuti si paga anche in base al numero di svuotamenti del bidone del residuo. Altro particolare: la polemica nasce dalla semplice constatazione che sui sacchetti delle lettiere dei gatti è spesso riportata la dicitura "compostabile". La stessa polemica è nata riguardo ai pannolini "biodegradabili" anche in quel caso il  Comune ha ricordato che vanno gettati tassativamente nel residuo. Pagando. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento