rotate-mobile
Il fatto / Lavis

Allunga le mani in cassa e il titolare del bar chiama i carabinieri: 29enne denunciato per furto

Proprio il titolare del locale si era accorto che l’atteggiamento del giovane era sospetto

Nota degli strani atteggiamenti intorno al registratore di cassa del suo locale e chiama i carabinieri che, dopo una perquisizione confermano i dubbi del denunciante. È accaduto a Lavis, nella serata di giovedì 25 agosto.  A finire nei guai un 29enne trentino, già noto alle forze dell’ordine.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di San Michele all’Adige che hanno individuato subito il giovane e lo hanno fermato. Alla vista dei carabinieri, nulla è valso il tentativo del 29enne fermato di giustificarsi, è stato infatti perquisito. I militari hanno trovato addosso al giovane una somma di 180 euro che, per gli inquirenti, era frutto del reato appena consumato.

Per l’indagato vige comunque, la presunzione di innocenza fino a quando la sua colpevolezza non sarà accertata con sentenza irrevocabile. Il un 29enne è stato denunciato in stato di libertà per il reato di furto aggravato, di cui dovrà risponderne davanti all’Autorità giudiziaria di Trento.

Come spiegato dagli inquirenti, questo è stato uno di quei casi dove la collaborazione dei cittadini e il pronto intervento dei carabinieri costituisce un binomio indissolubile per arginare il fenomeno dei furti o, in altri casi, di garantire alla giustizia i malfattori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allunga le mani in cassa e il titolare del bar chiama i carabinieri: 29enne denunciato per furto

TrentoToday è in caricamento