Proclamazione in piazza Duomo per 562 neolaureati dell'Università di Trento

La formula della proclamazione collettiva, e pubblica, è ormai consolidata ma non manca di emozionare. Tanti i curiosi in piazza Duomo per assistere al lancio dei tocchi sulle note dell'Halleluja

Gioia incontenibile, soddisfazione per l'obiettivo raggiunto, ma anche incertezza per il futuro, un orizzonte cche si spalanca improvvisamente, tutto da esplorare. Sono queste le emozioni dipinte sui volti dei 562 nuovi dottori e dottoresse dell'Università di Trento, radunati questa mattina in piazza Duomo per la proclamazione collettiva da parte del rettore Paolo Collini.

Sorrisi, pacche sulle spalle, cenni con la mano a genitori ed amici che hanno gremito la piazza per quella che sempre più sta diventando una cerimonia tradizionale nella vita cittadina. Per tutti sono risuonate le note dell'Halleluja, questa volta non da una base registrata ma dalle voci e dagli strumenti del coro e del gruppo musicale dell'Università. (guarda il video, clicca qui...)

L'augurio del rettore è stato quello di "esplorare il Mondo senza mai dimenticarvi che provenite da questo Paese, e che siete e sarete sempre dei laureati di Trento. Vi auguro di non perdere l'entusiasmo per le cose che vi piacciono, e di poter restituire un giorno quanto avete ricevuto in questi anni di formazione". Applausi, urla ed il coreografico "lancio dei tocchi" hanno concluso anche questa volta la cerimonia che consegna i laureati di Trento al Mondo. Da parte della redazione di Trentotoday un grande in bocca al lupo a tutti!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Proverbi trentini di gennaio: tra viole, lucertole, neve e santi

  • Coniugi bolzanini scomparsi: trovati degli indumenti nell'Adige a sud di Trento

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento