menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La laurea in Meteorologia a Trento è realtà: iscrizioni aperte da oggi

Iscrizioni aperte per il prossimo anno accademico. Il responsabile Zadi: "La tecnologia non serve a nulla senza la competenza"

Un nuovo corso di laurea arricchisce l'offerta formativa dell'ateneo trentino: da oggi è online il bando per l’ammissione alla nuova laurea magistrale in Meteorologia ambientale promossa insieme dalle università di Trento e di Innsbruck. La notizia dell’apertura delle preiscrizioni è arrivata in occasione del convegno dell’Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia oggi a Roma.

La laurea magistrale in lingua inglese partirà dal prossimo anno accademico 2018/19 dopo il via libera ministeriale atteso entro l’estate. L’accesso sarà a numero chiuso e nel primo anno di attivazione si prevedono 30 posti. È richiesta un’adeguata preparazione in matematica, fisica e chimica.

Durante il corso di laurea gli studenti frequenteranno al primo anno gli insegnamenti offerti a Trento. Il primo semestre del secondo anno si sposteranno a Innsbruck, mentre il secondo semestre è dedicato all’elaborazione della tesi di laurea magistrale, che potrà essere svolta indifferentemente in uno dei due atenei o in altre sedi. Al termine del percorso sarà conseguito un titolo valido sia in Italia, sia in Austria: la Laurea magistrale in Environmental Meteorology dell’Università di Trento e il Master of Science dell’Università di Innsbruck.

"Questa nuova laurea magistrale – spiega il responsabile del corso di studi, Dino Zardi del gruppo di ricerca di Fisica dell’atmosfera del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica – vogliamo proporre un percorso formativo basato su competenze di base solide, interdisciplinari, maturate in una prospettiva internazionale, grazie alla stretta collaborazione transfrontaliera tra Trento e Innsbruck. Per ottenere previsioni il più possibile precise bisogna investire continuamente su due binari paralleli: strumentazioni all’avanguardia e professionisti formati e aggiornati. Per quanto riguarda la tecnologia si stanno creando software sempre più sviluppati e precisi e sistemi di sonde, radar, satelliti e radiosondaggi che producono dati estremamente accurati. Questi dati però da soli non bastano, c’è bisogno infatti dell’analisi di un professionista per dare valore alle previsioni".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Governo al lavoro per il pass: come averlo

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus del 18 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento