La laurea in Meteorologia a Trento è realtà: iscrizioni aperte da oggi

Iscrizioni aperte per il prossimo anno accademico. Il responsabile Zadi: "La tecnologia non serve a nulla senza la competenza"

Un nuovo corso di laurea arricchisce l'offerta formativa dell'ateneo trentino: da oggi è online il bando per l’ammissione alla nuova laurea magistrale in Meteorologia ambientale promossa insieme dalle università di Trento e di Innsbruck. La notizia dell’apertura delle preiscrizioni è arrivata in occasione del convegno dell’Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia oggi a Roma.

La laurea magistrale in lingua inglese partirà dal prossimo anno accademico 2018/19 dopo il via libera ministeriale atteso entro l’estate. L’accesso sarà a numero chiuso e nel primo anno di attivazione si prevedono 30 posti. È richiesta un’adeguata preparazione in matematica, fisica e chimica.

Durante il corso di laurea gli studenti frequenteranno al primo anno gli insegnamenti offerti a Trento. Il primo semestre del secondo anno si sposteranno a Innsbruck, mentre il secondo semestre è dedicato all’elaborazione della tesi di laurea magistrale, che potrà essere svolta indifferentemente in uno dei due atenei o in altre sedi. Al termine del percorso sarà conseguito un titolo valido sia in Italia, sia in Austria: la Laurea magistrale in Environmental Meteorology dell’Università di Trento e il Master of Science dell’Università di Innsbruck.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa nuova laurea magistrale – spiega il responsabile del corso di studi, Dino Zardi del gruppo di ricerca di Fisica dell’atmosfera del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica – vogliamo proporre un percorso formativo basato su competenze di base solide, interdisciplinari, maturate in una prospettiva internazionale, grazie alla stretta collaborazione transfrontaliera tra Trento e Innsbruck. Per ottenere previsioni il più possibile precise bisogna investire continuamente su due binari paralleli: strumentazioni all’avanguardia e professionisti formati e aggiornati. Per quanto riguarda la tecnologia si stanno creando software sempre più sviluppati e precisi e sistemi di sonde, radar, satelliti e radiosondaggi che producono dati estremamente accurati. Questi dati però da soli non bastano, c’è bisogno infatti dell’analisi di un professionista per dare valore alle previsioni".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento