menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Itas: indagata anche l'ex funzionaria, dal suo licenziamento partì l'inchiesta

Tra i cinque indagati, ad inchiesta chiusa, risulta anche Alessandra Gnesetti, l'ex responsabile del fondo gadget che impugnò il licenziamento

C'è anche Alessandra Gnesetti, ex responsabile del fondo gadget dell'Itas tra i cinque indagati nell'inchiesta della Procura di Trento tra i vertici del consorzio assicurativo. L'ex funzionaria impugnò il licenziamento e fu proprio da quell'episodio a far scattare i controlli che portarono all'indagine. Oltre a lei e ad Ermanno Grassi, direttore dimissionario accusato di truffa, calunnia ed estorsione, risultano indagati: il dirigente Itas Paolo Gatti, coinvolto nella truffa del superattico di Grassi, spacciato, secondo l'accusa, per  una sede di rappresentanza della Società; gabriele Trevisan, rappresentante di una ditta di autonoleggio, per la truffa delle due Porsche prese in leasing da Itas ma di fatto nella disponibilità esclusiva di Grassi; ed infine Roberto Giuliani, titolare di una ditta trentina alla quale alcuni fornitori avrebbero fatturato benii  e servizi poi riacquistati da Itas a prezzi maggiorati, in cambio dell'assunzione,  dii fatto fasulla, della moglie di Grassi con un compenso di 6.200  euro al mese. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento