Cronaca

Covid, nell'ultimo monitoraggio il Trentino resta tra gli unici territori a rischio basso

Secondo l'Istituto superiore di sanità, altre 18 regioni passano a rischio moderato. Con Trento anche Bolzano e il Lazio

La Provincia autonoma di Trento resta territorio a rischio basso. Lo riporta l'agenzia Ansa, citando la bozza del monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di sanità, che sarà diffusa nel pomeriggio di venerdì 13 agosto. Con il Trentino restano a rischio basso solamente la Provincia autonoma di Bolzano e la Regione Lazio.

Tutte le altre 18 regioni risultano classificate a rischio moderato: a livello nazionale, il dato dell'Rt scende da 1.56 della scorsa settimana a 1,27 di questa, ma l'incidenza prosegue nella sua salita raggiungendo 73 casi ogni 100 mila abitanti contro i 68 della scorsa. I due valori segnano la replicabilità del contagio e la circolazione del virus.

In ogni caso, nessuna regione o provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica (fissate rispettivamente al 10% e al 15%). Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in leggero aumento al 4%, con il numero di persone ricoverate in aumento da 258 (dato del 03 agosto) a 322 (dato del 10 agosto). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta al 5%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 2.196 (dato del 03 agosto) a 2.880 (dato del 10 agosto).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, nell'ultimo monitoraggio il Trentino resta tra gli unici territori a rischio basso

TrentoToday è in caricamento