Cronaca Bocenago

Un albo comunale per i bimbi mai nati

La proposta, che prevede di istituire un albo comunale dove iscrivere i bambini morti prima di nascere, è stata presentata in consiglio comunale a Bocenago dal sindaco Walter Ferranzza, ex sottosegretario alle autonomie locali, che la invierà a tutti i comuni d'Italia

Un albo comunale dove registrare tutti quei "cittadini" morti prima di poter essere considerati tali. La mozione è stata presentata in consiglio comunale a Bocenago ed ha avuto un'eco nazionale grazie al sindaco Walter Ferrazza, ex sottosegretario agli Enti Locali, che l'ha inviata a tutti i sindaci d'Italia per aprire il dibattito. La proposta, oggetto di una petizione per una legge di iniziativa popolare, segue quella contenuta nel Decreto del Presidente della Repubblica 285 del 10 settembre 1990 che all'articolo 7 riconosce ai genitori la facoltà di seppellire i "nati-morti" nei cimiteri e prevede di estendere il principio all'iscrizione anagrafica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un albo comunale per i bimbi mai nati
TrentoToday è in caricamento