menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, nel 2020 sono state controllate 87mila persone dalla polizia ferroviaria

Minori rimasti sul treno senza i genitori, il caso della persona ubriaca stesa sui binari e anche l'intervento che ha portato all'arresto all'uomo che aggrediva e spaventava i viaggiatori

Il 2020 è stato un anno particolarmente impegnativo anche per la polizia ferroviaria, protagonista in prima linea a far rispettare anche in quell'ambito, obblighi e divieti imposti dalla legislazione di emergenza per far fronte al contenimento della diffusione della pandemia virale. I controlli sono stati improntati sempre al rigore ma, al contempo, al buon senso, con lo scopo di evitare assembramenti, nel rispetto delle normative sul distanziamento sociale, facendo osservare l’obbligatorietà dell’utilizzo delle mascherine nelle stazioni e a bordo dei convogli.

Allo stesso tempo è stata garantita la normale attività di polizia: sono infatti più di 87mila le persone controllate dal personale del Compartimento di polizia ferroviaria per Verona e il Trentino Alto Adige, presente con i propri uffici operativi sulla rete ferroviaria del Trentino Alto Adige e del Veneto occidentale con le province di Verona e Vicenza. Sono stati intensificati i servizi istituzionali con l’impiego di circa 11mila e 800 pattuglie nelle stazioni e 572 a bordo treno e provvedendo a presenziare circa 1.200 treni; 850 sono stati i servizi anti-borseggio svolti in abiti civili per contrastare, in particolare, i furti in danno dei viaggiatori.

Particolarmente efficace si è dimostrata l’applicazione per gli “smartphone” in uso alle pattuglie che ha permesso al personale della Polizia Ferroviaria di effettuare autonomamente un maggior numero di controlli anche grazie alla funzione di lettura ottica dei documenti elettronici. 

All’attività di prevenzione si aggiunge quella di contrasto ai reati con 26 arresti, oltre alla denuncia di 469 persone, il sequestro di oltre 2,5 kg di sostanza stupefacente. Nel corso dell’anno sono stati 25 i minori scomparsi rintracciati. Nello stesso periodo è stata attenta l’opera di prevenzione e repressione volta a contrastare il fenomeno dell’immigrazione clandestina. Complessivamente sono stati 108 i cittadini stranieri irregolari condotti negli Uffici Immigrazione delle Questure competenti.  

Tra gli episodi salienti, accaduti nella provincia di Trento, a gennaio, due ragazzi minori, rimasti accidentalmente a bordo mentre i genitori erano occupati a scaricare i bagagli dal treno in stazione a Trento, subito riconsegnati sereni agli stessi genitori a Bolzano grazie all’intervento tempestivo degli Agenti della Polizia Ferroviaria delle due provincie. Ricordato anche il caso della persona ubriaca, sdraiata pericolosamente su un binario della stazione, salvata dall’intervento dei poliziotti; a ottobre, invece, una articolata indagine ha individuato e condotto in carcere un nigeriano di 25 anni responsabile di varie episodi di aggressioni e percosse, commesse a bordo treno tra le province di Verona e Trento, nei confronti di altri viaggiatori, in particolare studenti minorenni.         

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento