menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sacro Cuore condannato per discriminazione. CGIL: "Passo avanti per tutti i lavoratori"

Una vittoria contro la discriminazione in base all'orientamento sessuale, ma soprattutto per il mondo del lavoro in generale. Esulta la Cgil: "sentenza storica"

Una sentenza storica per i diritti delle persone omosessuali, ma soprattutto per il mondo del lavoro. E' stato infatti il Tribunale del Lavoro di Rovereto a condannare l'Istituto Sacro Cuore di Trento per il caso dell'insegnante che non si è vista rinnovare il contratto dopo il rifiuto a confessare il suo orientamento sessuale.

Esulta la Cgil, che  insieme all'associazione Certi Diritti, avvva fatto domanda presso il Tribunale per esaminare il sussistere o meno della discriminazione collettiva, oltre a quella individuale, sostenuta dal legale della docente Alexander Schuster, e riconosciuta dal giudice: "Per noi è una significativa affermazione che riconosce i diritti e la dignità dei lavoratori contro ogni forma di discriminazione".

“Al di là dell'importante riconoscimento del danno e della discriminazione subita dall'insegnante c'è un'affermazione che va oltre il singolo caso e assume una portata generale”. Commentano così il segretario generale della Cgil del Trentino, Franco Ianeselli, e Gloria Bertoldi della segreteria confederale, che ha seguito il caso, la sentenza del Giudice del Lavoro di Rovereto. Anche l'organizzazione sindacale di via Muredei, vincendo il ricorso, è stata risarcita per danni con 1500 euro. All'insegnante ne vanno invece 25.000. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La bozza del decreto riaperture: le nuove regole fino al 31 luglio

Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Attualità

Tutti i canti popolari del Trentino disponibili online

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Cosa cambia dal 26 aprile

  • Attualità

    Perché rimane il coprifuoco dalle 22 alle 5

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento