menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Ha un infarto in montagna e muore davanti al figlio: un testimone nega aiuto per paura del coronavirus

È accaduto sul Monte Lupo, in valle Aurina, provincia di Bolzano

Sotto gli occhi del figlio un uomo ha avuto un malore che gli è costato la vita mentre si trovava a 1800 metri di quota, in valle Aurina. E un altro escursionista, che ha assistito alla scena, si è rifiutato di soccorrerlo perché avrebbe avuto paura di essere contagiato dal coronavirus. È accaduto la mattina di Pasqua sul Monte Lupo.

La vittima si trovava insieme al figlio quando si è sentita male e si è accasciata al suolo. Il giovane ha subito lanciato l'allarme e ha cercato di prestargli le prime cure. Sul posto è arrivato l'elicottero Pelikan con una squadra del soccorso alpino. Purtroppo però quando i soccorritori sono arrivati l'uomo era già morto: non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Come raccontato dal figlio dell'uomo, un altro escursionista è stato testimone del malore ma si è rifiutato di partecipare alla rianimazione e si è allontanato, sembrerebbe, per paura del Covid.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Governo al lavoro per il pass: come averlo

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus del 18 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento