Ha un infarto in montagna e muore davanti al figlio: un testimone nega aiuto per paura del coronavirus

È accaduto sul Monte Lupo, in valle Aurina, provincia di Bolzano

Repertorio

Sotto gli occhi del figlio un uomo ha avuto un malore che gli è costato la vita mentre si trovava a 1800 metri di quota, in valle Aurina. E un altro escursionista, che ha assistito alla scena, si è rifiutato di soccorrerlo perché avrebbe avuto paura di essere contagiato dal coronavirus. È accaduto la mattina di Pasqua sul Monte Lupo.

La vittima si trovava insieme al figlio quando si è sentita male e si è accasciata al suolo. Il giovane ha subito lanciato l'allarme e ha cercato di prestargli le prime cure. Sul posto è arrivato l'elicottero Pelikan con una squadra del soccorso alpino. Purtroppo però quando i soccorritori sono arrivati l'uomo era già morto: non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Come raccontato dal figlio dell'uomo, un altro escursionista è stato testimone del malore ma si è rifiutato di partecipare alla rianimazione e si è allontanato, sembrerebbe, per paura del Covid.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

Torna su
TrentoToday è in caricamento