rotate-mobile
Vite spezzate

Chi erano Costel e Renzo, morti sul camion mentre li aspettavano mogli e figli

Tragedia immensa in tangenziale

Sono morti sul lavoro Costel Blanaru, 53 anni, e Renzo Roberto Leita, 65: erano loro alla guida dei camion che si sono scontrati lunedì mattina sulla Strada regionale 11, a Peschiera del Garda ma a poca distanza dallo svincolo di Rovizza, già in territorio di Sirmione. All'origine dello schianto probabilmente un colpo di sonno o un malore di Blanaru, che viaggiava in direzione Verona: il suo tir avrebbe improvvisamente sbandato – erano passate da poco le 7 – invadendo la corsia opposta di marcia proprio mentre transitava il mezzo pesante di Leita.

Nell'impatto, violentissimo, è rimasta coinvolta anche una Volkswagen Up alimentata a gpl, che ha preso fuoco: a bordo una donna di 43 anni originaria del Torinese, tratta in salvo da un eroico automobilista di passaggio prima che la vettura venisse avvolta dalle fiamme. Inferno di fuoco sulla tangenziale: i mezzi sono stati carbonizzati a seguito dell'incendio. E i due camionisti, purtroppo, sono morti sul colpo: per loro non c'è stato più nulla da fare.

Chi erano le vittime

Entrambi arrivavano dal Trentino e la loro destinazione era la Feralpi Siderurgica di Lonato. Blanaru aveva già scaricato il tir e stava tornando verso casa: da qualche tempo lavorava per la Fratelli Marinelli Trasporti di Ala di Trento, il paese dove si era trasferito per lavoro. In Romania, il suo Paese d'origine dove tornava spesso, lascia nel dolore la moglie Simone e due figli. Una vita sul camion, come testimoniano le decine di immagini pubblicate su Facebook. Blanaru era un gran lavoratore e un padre attento.

Renzo Roberto Leita si stava invece dirigendo verso Lonato quando si è verificato l'impatto. Originario di La Serena, Cile, e figlio di emigrati trentini, era tornato in Italia ormai da decenni. A 65 anni ancora sul camion, da più di 20 era dipendente della Zandonella srl di Lavis, Trento, azienda specializzata nella raccolta e nel recupero di rifiuti speciali. Abitava a Ischia, frazione di Pergine Valsugana, con la famiglia: lo piangono la moglie Ines e i figli Alessandro e Gianluca. I corpi senza vita dei due autisti rimangono a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Strada chiusa tutto il giorno

I rilievi sono stati affidati alla Polizia Stradale: sul posto, oltre al pronto intervento di 3 mezzi e 12 operatori dei Vigili del Fuoco di Bardolino e Verona, anche diversi mezzi sanitari tra cui ambulanza e automedica, l'elisoccorso decollato da Brescia. La donna rimasta ferita è stata ricoverata alla clinica Pederzoli di Peschiera. Per ovvi motivi, il tratto stradale interessato dall'incidente è rimasto chiuso per tutto il giorno: uscita obbligata a Sirmione anche lunedì sera. Nella mattinata di martedì si provvederà alla sistemazione dell'asfalto, devastato dalle fiamme.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi erano Costel e Renzo, morti sul camion mentre li aspettavano mogli e figli

TrentoToday è in caricamento