menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto: Elisa Vinciguerra

foto: Elisa Vinciguerra

Torre Civica: i codici miniati portati in salvo dal personale del Museo

La collezione di codici miniati medioevali era conservata in una sala interna della torre. Tutti i pezzi sono stati trasferiti, in via precauzionale, dal personale del Museo. Anche la direttrice Primerano esclude l'ipotesi di dolo: "Oggi era giorno di chiusura e le porte erano allarmate" spiega

E' ancora una "zona calda" quella attorno alla Torre Civica dove questa mattina si è sviluppato un pauroso incendio, le cui cause sono in corso di accertamento. La torre è di proprietà del Comune ma questa mattina l'incendio ha messo in allarme anche il personale del Museo Diocesano, la cui sede è nell'attiguo Palazzo Pretorio, a sua volta collegato al Duomo di Trento.

Proprio nei locali confinanti con i muri della torre si trova una collezione di codici miniati medioevali, subito messi in salvo, in via precauzionale, dal personale del Museo. "Abbiamo seguito con apprensione le operazioni dei Vigili del Fuoco per tutta la giornata - spiega la direttrice Domenica Primerano - fortunatamente oggi è giorno di chiusura e quindi non è stato necessario negare l'accesso ai visitatori, vedremo invece cosa ci diranno i tecnici dei Vigili del Fuoco per quanto riguarda le aperture dei prossimi giorni".

INCENDIO ALLA TORRE CIVICA: LA CAMPANA E'ANCORA INSTABILE clicca qui...

"Un pezzo delle paratie di legno andate a fuoco è caduto sul tetto del Museo, e perciò i Vigili del Fuoco sono intervenuti anche sulla parte dell'edificio di nostra competenza, ma fortunatamente non ci sono stati danni". L'interno della torre è invece andato quasi completamente distrutto: si parla di otto livelli di soppalchi e scale di legno. Anche la direttrice Primerano, come già altre autorità, esclude l'ipotesi di un incendio doloso: "Come detto oggi è giorno di chiusura - spiega - alla torre si può accedere solamente dal Museo ma oggi la porta era chiusa ed alarmata".

Rimane l'ipotesi di un cortocircuito: "Sulla sommità della torre c'è solamente un quadro elettrico, che serve all'impianto di illuminazione, non ci sono altri macchinari elettrici" prosegue la direttrice. Sono naturalmente sopese, e lo saranno per un bel po', le visite alla torre, gestite da alcuni anni dal Museo Civico in virtù di un accordo con il Comune stipulato dopo i restauri del 2011. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento